Euphorbia gayi - Euforbia di Gay - ATLANTIDES: Miscellanea di Ambiente, Natura, Cultura

atlantides.it
Ilex aquifolium
Vai ai contenuti

Euphorbia gayi - Euforbia di Gay

Euforbia di Gay

      E' una pianta erbacea, Geofita rizomatosa, perenne, che appartiene alla famiglia delle Euphorbiaceae.
La parte perenne è formata da un sottile e lungo rizoma da cui annualmente si sviluppa la parte aerea. Essa è costituita da un fusto di colore rossiccio piuttosto esile, eretto o ascendente, normalmente non ramificato.
Nell’insieme le piante sono piuttosto piccole, la loro altezza varia da pochi centimetri a dieci-quindici (massimo venti centimetri).
Le foglie cauline sono alterne, il lembo varia da oblungo a spatolato, l'apice è ottuso, il margine è intero. La pagina superiore si presenta di colore verde-glauco, quell’inferiore varia dal verde al rosso-vinaccia, anche intenso. Quelle basali presentano talvolta una forma sub-rotonda.
Il fiore è un ciazio (che sostanzialmente è un'infiorescenza fusa in un unico fiore) dal diametro di circa quattro millimetri. E' formato da un involucro a forma di coppa che contiene un unico organo femminile (con ovario supero) in posizione centrale. Gli organi maschili sono ridotti alle sole antere e si presentano come minuscoli glomeruli di polline di colore giallo. Il bordo dell'involucro è caratterizzato dalla presenza di quattro o cinque ghiandole di colore variabile dal giallo al rosso dalla particolare forma a mezzaluna. I fiori sono riuniti in infiorescenze formate da un fiore centrale (posto a un livello più basso) e da altri portati da raggi concentrici, sono di numero variabile, da due a cinque. Il frutto è una capsula liscia, tripartita, sorretta da un breve peduncolo, dal diametro di circa due millimetri.
La fioritura avviene nei mesi di maggio-luglio.
L'Euphorbia gayi è una specie endemica della Spagna, Corsica e Sardegna. In quest'ultima isola vegeta nel settore centro-orientale dove è alquanto rara.
La presente descrizione e le immagini allegate nello slideshow si riferiscono a due siti relativi ad ambienti piuttosto diversi. Il primo è stato individuato lungo il greto di un torrente a circa 700 metri di altitudine, il secondo presso un margine stradale in ambiente scistoso a un’altitudine di circa 1100 metri. Le immagini sono ordinate seguendo questa disposizione in maniera di evidenziare le differenze prodotte dagli ambienti diversi.

Termino con un'annotazione che non è solo una semplice curiosità.
Scorrendo le immagini dello slideshow, probabilmente non sfuggirà a nessuno che le foglie ridotte a brattee di colore rosso presenti nelle infiorescenze, ricordano, e non a caso, quelle dell’Euphorbia pulcherrima, la notissima Stella di Natale.

(11 ottobre 2012)





Torna alla pagina:
Flora della Sardegna


Copyright www.atlantides.it 2008÷2021 - All rights reserved
Torna ai contenuti