Ajuga chamaepitys - Camepizio, Iva artritica - ATLANTIDES: Miscellanea di Ambiente, Natura, Cultura

atlantides.it
Ilex aquifolium
Vai ai contenuti

Ajuga chamaepitys - Camepizio, Iva artritica

Camepizio (Iva artritica)
     E' una specie erbacea, Terofita cespitosa, appartenente alla famiglia delle Lamiaceae (o Labiatae). Ma, come è segnalato in PIGNATTI S., 1982 – Flora d’Italia, 2. Edagricole, Milano, in ambiente di clima mite, mostra talvolta una base lignificata.  E’ in indizio della possibilità che possa divenire perenne anche se a ciclo breve. Questa particolarità può essere osservata nelle immagini allegate.
Le piante hanno un portamento cespitoso derivato da una base ramificata in numerosi fusti prostrato-ascendenti. Proprio qui sono presenti i residui vegetativi che in qualche caso si possono attribuire alle annate precedenti.
La pianta è ricoperta in ogni su parte da una peluria lanuginosa eretta di colore biancastro, più abbondante nel fusto in prossimità dell'inserzione delle foglie e nella loro parte basale. Solo la pagina superiore del labro inferiore della corolla è glabra. Le foglie sono quasi interamente suddivise in tre lacinie lineari a margine revoluto e intero.
I fiori sono raccolti in numerosi verticilli di due-quattro fiori posti all’ascella delle foglie. Il labbro inferiore è trilobo ed è caratterizzato dal lobo centrale piuttosto appariscente di forma debolmente bilobata. Ha una colorazione giallo-vivo punteggiata di bruno che degrada verso un bruno-ocraceo nelle restanti parti della corolla. I due lobi laterali del labbro inferiore sono invece piccoli e poco evidenti, così come il labbro superiore. Il calice è formato da cinque sepali lanceolati-acuti, villosi e glandulosi nella parte esterna.
La fioritura è ampiamente scalare e ricade principalmente nei mesi di maggio e giugno
Il frutto è contenuto all'interno del calice ed è costituito da uno schizocarpo tetrachenio formato da quattro acheni (o nucule) ovoidi, esternamente reticolati. Sono lunghi circa tre millimetri e larghi uno.
I rami sono lunghi mediamente dieci-quindici centimetri ma le piante rimangono più basse a causa del loro portamento prostrato-ascendente.
Le piante emanano un moderato aroma di trementina.
Ajuga chamaepitys è diffusa in tutte le regioni italiane ma in Sardegna è piuttosto rara: ne sono state rinvenute solo poche stazioni nel settore centro-orientale dell'isola.
Le immagini allegate e la presente descrizione si riferiscono a una di queste stazioni situata a circa ottocento metri di altitudine.

Nota di Botanica sistematica.
Ad Ajuga chamaepitys sono state attribuite varie sottospecie, alcune di esse presenti in Italia. Sono quindi necessari successivi approfondimenti per individuare la sottospecie corretta da attribuire agli esemplari di questa piccola popolazione.

(04 febbraio 2015)
(Ultima revisione: 26/01/2020)




Torna alla pagina:
Flora della Sardegna


Copyright www.atlantides.it 2008÷2022 - All rights reserved
Torna ai contenuti