Arbutus unedo - Corbezzolo - ATLANTIDES: Miscellanea di Ambiente, Natura, Cultura

atlantides.it
Ilex aquifolium
Vai ai contenuti

Arbutus unedo - Corbezzolo

Corbezzolo

      Arbusto o piccolo albero sempreverde (Fanerofita arborea per il sistema Raunkiær) appartenente alla famiglia delle Ericaceae.
Le piante possono avere sia uno sviluppo arboreo sia arbustivo. In entrambe le tipologie, si può notare, assai spesso, la presenza di un grosso ceppo irregolare da cui si dipartono il tronco principale (talora doppio o multiplo) e i polloni che, in parte, si trasformeranno in tronchi.
Il tronco si presenta bruno rossiccio e abbastanza regolare negli esemplari giovani, ma grigiastro, contorto e irregolare in quelli più vecchi. In maniera simile, le medesime caratteristiche si ritrovano anche nei rami. Non è sempre agevole risalire alle dimensioni dei tronchi sia perché irregolari sia perché composti da elementi appaiati. In alcune foto è stato inserito un righello, sempre della lunghezza di un metro, per dare un'idea delle loro reali dimensioni. Gli esemplari arborei possono giungere a cinque-otto metri di altezza. La chioma tende ad essere ramosa e folta e ad assumere una forma globosa.
I giovani rami sono abbondantemente fogliosi e, in misura variabile, peloso-ghiandolosi.
Le foglie sono rette da un breve picciolo e sono piuttosto consistenti. La forma è lanceolate ad apice acuto con la base tendenzialmente cuneata. Il margine da serrulato a sub-intero. Il lembo è verde lucido nella pagina superiore e opaco in quella inferiore.
I fiori sono riuniti in un'infiorescenza corimbosa pendula. I peduncoli sono di varia lunghezza e il loro colore va dal verde giallastro al rossiccio.
Il calice è minuscolo e suddiviso cinque brevissimi lobi acuti. Il suo colore tende ad essere più rossiccio dei peduncoli.
La corolla è invece assai appariscente. Ha una forma gamopetala (con i petali saldati tra loro) attinomorfa (simmetrica) urceolata (rigonfia) e termina con cinque piccoli lobi revoluti. Il colore varia dal bianco-crema al rossiccio. Gli organi riproduttivi (stami, antere e pistillo) rimangono inclusi nella corolla.
La fioritura avviene nei mesi da ottobre a dicembre e fino al gennaio successivo. La maturazione dei frutti ricade nel medesimo periodo per cui tende a sovrapporsi con la fioritura dell’anno successivo.
Il frutto è una bacca sferica, pendula e portata da un lungo picciolo. I frutti, che si presentano con la tipica superficie fittamente verrucosa, sono dapprima verdi, poi giallo-arancio e, infine, divengono di un colore rosso-scuro intenso a completa maturazione. (Può capitare di osservare, in piena estate, piante cariche di frutti arrossati, non si tratta di un anticipo di maturazione ma di una reazione al caldo a alla siccità).
Arbutus unedo (Corbezzolo) è una tipica specie della macchia mediterranea ma può essere rinvenuto anche in ambienti tipicamente continentali. In effetti, anche in Sardegna, sembra trovarsi a suo agio pure in habitat fresco-umidi. Anche gli esemplari, spesso di grosse dimensioni, che vegetano nelle pietraie, in realtà, usufruiscono dell'isolamento termico prodotto dallo strato di sassi. Questi preservano l'umidità del suono e l’acqua dei possibili piccoli rigagnoli sottostanti.
Questa descrizione e le immagini allegate si riferiscono a varie popolazioni presenti nel settore orientale dell'isola. Dal livello del mare fino a milleduecento metri di altitudine, indipendentemente dal substrato.

(01 luglio 2009)

(07/01/2021)





Torna alla pagina:
Flora della Sardegna


Copyright www.atlantides.it 2008÷2022 - All rights reserved
Torna ai contenuti