Biscutella didyma - Biscutella didima - ATLANTIDES: Miscellanea di Ambiente, Natura, Cultura

atlantides.it
Ilex aquifolium
Vai ai contenuti

Biscutella didyma - Biscutella didima

Biscutella didima
      E' una specie erbacea annuale, Terofita scaposa, appartenente alla famiglia delle Brassicaceae (o Cruciferae).
Le piante variano in altezza da pochi centimetri a cinquanta-sessanta. Il fusto è singolo e può essere senza o con poche ramificazioni che, tuttavia, sono spesso piuttosto ampie. L'intera pianta è generalmente irsuta nella parte inferiore e gradatamente glabrescente procedendo verso l'alto.
Le foglie basali sono lanceolato-spatolate con il margine ampiamente dentato o, talora, irregolarmente inciso. Le foglie cauline sono piuttosto rade, lanceolate, sessili e con dimensioni ridotte.
I fiori sono raccolti in compatte infiorescenze terminali all'apice dei rami. Tuttavia, essendo la fioritura scalare, le infiorescenze si allungano gradatamente con il procedere della maturazione dei frutti.
I fiori sono formati da quattro sepali ovato-lanceolati di colore verde o giallognolo, talora sfumato di rossiccio.
I quattro petali, essendo ristretti all'unghia, sono invece obovati. Sono di colore giallo chiaro e, in qualche caso, tendente al bianchiccio.
La fioritura avviene nel periodo da marzo a maggio.
Ogni singolo fiore produce una siliquetta didima (doppia) formata da due parti piane, tondeggianti, irsute sul bordo e contenenti un singolo seme.
Biscutella dydima (Biscutella didima), già Biscutella morisiana (considerata endemica della Sardegna), vegeta, oltre che in Sardegna, anche nell'Italia centro-meridionale.
Questa breve descrizione e le immagini allegate si riferiscono a varie popolazioni presenti nella Sardegna centro-orientale. La pianta è indifferente alla natura del substrato, tuttavia sembra preferire le aree carbonatiche e porfiriche. Vegeta di preferenza in ambiente collinare e di media montagna su habitat di gariga, spesso roccioso e sassoso.
(26 aprile 2019)
(Ultima revisione: 19/05/2021)






Torna alla pagina:
Flora della Sardegna


Copyright www.atlantides.it 2008÷2022 - All rights reserved
Torna ai contenuti