Digitalis purpurea - Digitale rossa - ATLANTIDES: Miscellanea di Ambiente, Natura, Cultura

atlantides.it
Ilex aquifolium
Vai ai contenuti

Digitalis purpurea - Digitale rossa

Digitale rossa

    E' una pianta erbacea, Emicriptofita scaposa, appartenente alla famiglia delle Plantaginaceae (mentre in precedenza era inclusa in quella delle Scrophulariaceae).
Il ciclo vegetativo è, di norma, biennale. Tuttavia, alcuni esemplari possono divenire perenni.
Il primo anno si forma la rosetta basale. Nell'anno successivo la pianta giunge maturità producendo lo scapo fiorale.
Le foglie sono ovato-lanceolate, superiormente di color verde scuro, bianco-tomentose nella pagina inferiore. Le nervature sono evidenti e il margine è finemente dentellato. Quelle inferiori sono lungamente picciolate e piuttosto grandi (lunghe fino a 30-35 centimetri). Le dimensioni del picciolo e delle foglie si riducono gradualmente procedendo verso l'alto.
Lo scapo fiorale, lungo da pochi decimetri a 1,5 metri, porta un racemo terminale, denso di numerosi fiori penduli, unilaterali. La fioritura è scalare iniziando dal basso.
La corolla ricorda la forma di un ditale (da cui il nome della specie), un po' asimmetrico, leggermente ripiegato verso l'alto. La parte interna dell'imboccatura è caratterizzata dalla presenza di una lunga peluria setolosa e da macule irregolari di colore rosso-nerastro, circondate da un alone chiaro. Il bordo è ciliato.
Il colore della corolla varia dal bianco rosato al rosso carminio.
Noi abbiamo avuto l'occasione di incontrare alcuni esemplari apocromatici con la corolla completamente bianca e le macule chiare, poco visibili.
Il periodo di fioritura inizia a maggio e si protrae (in funzione dell'altitudine e dell'esposizione) a tutto il mese di luglio.
Il frutto è costituito da una capsula conica ricoperta di fine peluria. Contiene numerosi semi vagamente cilindrici ma caratterizzati da un solco longitudinale. Sono lunghi circa otto decimi di millimetro. La superficie è di colore castano e finemente ricoperta da minuscoli crateri disposti ordinatamente per file longitudinali.
Digitalis purpurea (Digitale rossa) è diffusa nell'Europa centro-meridionale. Per quanto riguarda l'Italia, essa cresce allo stato spontaneo solo in Calabria e in Sardegna. In altre regioni è stata introdotta a scopo ornamentale o farmaceutico. Dalle sue foglie, infatti, si estrae un potente ma pericoloso cardiotonico, per cui essa, per le persone comuni, è da considerarsi tossica.
E' ampiamente presente in varie località montane della Sardegna dai 7-800 metri s.l.m., alcuni esemplari sono stati da noi rinvenuti anche a quote superiori ai 1.800 metri.
Vegeta nei suoli umidi e ricchi del sottobosco e delle radure, ma anche nelle rive dei torrenti e ai bordi delle strade di campagna. Non disdegna neppure i terreni rocciosi. Talvolta può sembrare una pianta rupicola perché cresce nelle fenditure dei massi, ove si era depositato un po' di terriccio.
Le immagini allegate, oltre a presentare la pianta, mostrano anche i vari habitat ai quali essa si adatta.

(01 settembre 2008)

(Ultima revisione: 12/02/2022)





Torna alla pagina:
Flora della Sardegna


Copyright www.atlantides.it 2008÷2022 - All rights reserved
Torna ai contenuti