Galium schmidii - Caglio di Schmid - ATLANTIDES: Miscellanea di Ambiente, Natura, Cultura

atlantides.it
Ilex aquifolium
Vai ai contenuti

Galium schmidii - Caglio di Schmid

Caglio di Schmid
      Galium schmidii è una pianta erbacea, Emicriptofita scaposa, perenne, appartenente alla famiglia delle Rubiaceae.
E' una pianta pluricaule ed è formata da vari fusti prostrato-ascendenti o arcuato ascendenti che, nell'insieme, posso conferirle l'aspetto di un piccolo cespuglio. I fusti sono glabri e a sezione tetragona, anche se non sempre ben evidente. L'altezza massima delle piante è di circa trenta-quaranta centimetri.
Le foglie, in numero di sei o più, sono raccolte in verticilli disposti a distanze regolari ai nodi dei fusti. Sono glabre, lineari-lanceolate, mucronate, con il margine denticolato e revoluto. Generalmente sono arcuate con l'apice orientato verso l'alto. Sia i fusti sia le foglie tendono ad avere una tonalità glauca, generalmente non molto intensa.
L'infiorescenza è composta da una pannocchia allungata piuttosto consistente e densa di fiori.
I fiori sono formati da quattro petali di pochi millimetri disporti a croce. Sono lanceolati, apiculati e riflessi. Generalmente sono di colore bianco nella pagina superiore e giallognolo in quella inferiore. Questa colorazione è più evidente quando i fiori sono ancora in bocciolo. Molto raramente, i petali possono essere sfumati di un colore porporino. E' stata da noi rinvenuta una sola stazione, in una rupe calcarea, in cui le piante erano suddivise tra fiori bianchi e fiori soffusi di porpora.
La fioritura avviene nei mesi di giugno e luglio.
Il frutto è uno schizocarpo che si divide in due mericarpi contenenti ciascuno un seme. Inizialmente è liscio e bianchiccio, diviene rugoso e di colore bruno-rossiccio scuro a maturazione completa.
Galium schmidii è una specie endemica esclusiva della Sardegna e vegeta in varie aree dei settori centro-orientale e settentrionale dell'isola, principalmente in ambiente rupicolo.
Le immagini allegate sono state riprese in varie parti dei Monti del Gennargentu, a un'altitudine compresa tra millecento e milleottocento metri s.l.m.

Nota di Botanica sistematica
Galium schmidii  è simile a Galium glaucophyllum. Già a una prima osservazione, si distingue per essere una pianta di maggiori dimensioni e con l'infiorescenza più voluminosa e ricca. A sua volta, Galium glaucophyllum è caratterizzato da una più intensa tonalità glauca e da una consistenza marcatamente grassetta.
(12 febbraio 2017)





Torna alla pagina:
Flora della Sardegna


Copyright www.atlantides.it 2008÷2021 - All rights reserved
Torna ai contenuti