Genista aetnensis - Ginestra dell'Etna - ATLANTIDES: Miscellanea di Ambiente, Natura, Cultura

atlantides.it
Ilex aquifolium
Vai ai contenuti

Genista aetnensis - Ginestra dell'Etna

Ginestra dell'Etna

E' una pianta legnosa Fanerofita scaposa (nella maggior parte degli individui) e, meno frequentemente, Fanerofita cespugliosa. Appartiene alla famiglia delle Fabaceae (o Leguminosae).
Oltre che per la diversa altezza, queste due forme biologiche si differenziano per la diversa morfologia dei rami. Sono lunghi e flessuosi nella forma arborea, corti, rigidi e spinescenti come robusti aculei, in quella cespugliosa.
Uno degli aspetti più interessanti di questa specie è proprio la doppia forma biologica che è esemplificata nella prima foto in calce a questa pagina. Purtroppo la foto non è molto chiara ma si può osservare in primo piano una pianta che, partendo da una base cespugliosa, si avvia a diventare un alberello. Più in fondo, un’altra pianta è ormai diventata un cespuglio compatto, probabilmente non si affrancherà mai da questa forma biologica, tenderà a diventare un grosso cespuglio come l'esemplare della vicina foto n° 3.
La foto n° 2 riporta un altro esemplare che, fino a una certa altezza, mantiene alcuni caratteri della forma cespugliosa per poi affrancarsi e produrre, in alto, i primi rami lunghi e flessuosi tipici della forma arborea. Ovviamente, i rami spinescenti rappresentano un espediente della selezione naturale per proteggere la pianta dall'assalto degli animali erbivori.
In condizioni normali, le piante possono raggiungere i dieci metri di altezza. L'aspetto è elegante, con poche ramificazioni ma con un'abbondanza di lunghi, sottili e flessuosi rami dal portamento cadente. Le foglie sono poche, piccole, di forma lineare, ben presto cadenti, alla fioritura sono ormai scomparse. La fotosintesi clorofilliana è svolta dai rami lunghi e flessuosi che permangono sempre verdi.
I fiori sono abbondantissimi, hanno una forma papilionacea e un colore giallo intenso. La fioritura avviene nel periodo di luglio-agosto.
Il frutto è costituito da piccolo legume contenente fino a cinque semi di colore bruno-scuro.
La
Genista aetnensis è una specie endemica della Sicilia (ove cresce sulle falde dell'Etna), Sardegna, Calabria, Campania, Molise ed Emilia Romagna.
Per quanto riguarda la
Sardegna, vegeta nella parte orientale e meridionale dell'isola.
Le immagini dello
slideshow sono state riprese nel settore centro-orientale della Sardegna, dal livello del mare fino a una valle appena sotto il Gennargentu, a circa millecento metri di altitudine.
Il substrato è sempre siliceo anche se, talvolta, in prossimità di aree calcaree. Gli
habitat sono i più vari ed essendo un po' una pianta pioniera, si può incontrare su ripidi costoni rocciosi e sugli spuntoni di roccia agevolata dalla presenza di qualche fenditura o di roccia friabile.

(28 gennaio 2013)





Torna alla pagina:
Flora della Sardegna


Copyright www.atlantides.it 2008÷2021 - All rights reserved
Torna ai contenuti