Gentiana lutea subsp. lutea - Genziana maggiore - ATLANTIDES: Miscellanea di Ambiente, Natura, Cultura

atlantides.it
Ilex aquifolium
Vai ai contenuti

Gentiana lutea subsp. lutea - Genziana maggiore

Genziana maggiore

    E’ una pianta erbacea perenne, Emicriptofita scaposa per il sistema Raunkiær, che fa parte della famiglia delle Gentianaceae.
La parte aerea secca alla fine del ciclo vegetativo annuale e le gemme, emesse dalle radici rizomatose, svernano al livello del suolo per superare la rigidità del clima. Vive infatti in aree che, anche in Sardegna, possono rimanere innevate per lunghi periodi. La ripresa vegetativa avviene a primavera inoltrata.
La pianta è formata da un ciuffo basale di grandi foglie lanceolate dotate di robusto picciolo. Sono caratterizzate da circa cinque nervature longitudinali prominenti di colore più chiaro del resto del lembo.
Il fusto fiorale è eretto e, nelle piante osservate, può raggiungere l'altezza di un metro e mezzo. Viene emesso in seguito, appena prima dell’inizio della fioritura e continua il suo sviluppo insieme ad essa.
Le foglie cauline sono anch'esse lanceolate, opposte come disposizione e sessili per l’assenza di picciolo.
I fiori sono disposti in verticilli lungo il fusto all'ascella di una copia di brattee simili alle foglie cauline dalle quali ne sono parzialmente avvolti. Mostrano un bel colore giallo dorato, da cui il nome di Gentiana lutea (il latino lūtĕus significa giallo dorato). Le antere presentano delle caratteristiche striature purpuree verticali. La fioritura avviene alla fine del mese di giugno.
Come si può osservare dalle immagini allegate, il primo fiore apicale si differenzia elevandosi sopra gli altri. Questo aspetto è ancora più evidente in fase di fruttificazione.
Il frutto è costituito da una capsula affusolata bivalve che si apre a maturità rilasciando i semi. Questi sono hanno una forma da ellittica a sub-orbicolare, sono dotati di un'ala larga circa un millimetro e hanno un diametro di tre-quattro millimetri. La superfice è finemente reticolata e il colore è un marrone chiaro
Gentiana lutea subsp. lutea (Genziana maggiore) è diffusa sulle montagne dell'Europa centro-occidentale e nella penisola balcanica. Vegeta tra 800 e i 2.200 metri di altitudine.
In Sardegna è presente solo in poche aree limitate dei monti del Gennargentu. Il suo areale è andato gradualmente restringendosi anche a causa dell'eccessiva raccolta. Il motivo di questa raccolta è dovuto ai princìpi attivi contenuti nella sua radice rizomatosa per i quali trova largo impiego nella preparazione di amari digestivi e tisane medicamentose.
Se si considera che la pianta impiega circa dieci anni per raggiungere la maturità e che la raccolta può portare all'estirpazione dell'intera pianta, è facile intuire quanto possa essere a rischio la sua conservazione sui monti della Sardegna.  
Le immagini allegate si riferiscono quasi tutte ad un unico sito situato alla quota di millequattrocento metri sui monti del Gennargentu, “miracolosamente” preservato.

(01 settembre 2008)
(Ultima revisione: 13/05/2022)





Torna alla pagina:
Flora della Sardegna


Copyright www.atlantides.it 2008÷2022 - All rights reserved
Torna ai contenuti