Gladiolus byzantinus - Gladiolo bizantino - ATLANTIDES: Miscellanea di Ambiente, Natura, Cultura

atlantides.it
Ilex aquifolium
Vai ai contenuti

Gladiolus byzantinus - Gladiolo bizantino

Gladiolo bizantino

     E' una pianta erbacea perenne (Geofita bulbosa per il sistema Raunkiær) appartenente alla famiglia delle Iridaceae.
E' formata da un bulbo sotterraneo da cui si diparte uno scapo senza ramificazioni secondarie.
Da esso inizialmente si originano le foglie. Queste sono isolaterali, alterne e disposte su un unico piano. La lamina è lineare-lanceolata, piatta e appuntita con le due facce uguali e simmetriche (isolaterali, appunto). Possono richiamare la forma di una piccola spada e da ciò deriva il nome scientifico proveniente dal latino glădĭŏlus, che, essendo il diminutivo di glădĭus, significa, appunto, "piccola spada". La lunghezza è maggiore nelle foglie inferiori e decresce procedendo verso l'alto.
La parte terminale dello scapo forma una spiga distica con i fiori a disposizione alterna ma opposti sul medesimo piano verticale. Tuttavia, la spiga si presenta piuttosto lassa perché piegata nella direzione dei fiori a causa del loro peso. Ne consegue che l'infiorescenza può apparire unilaterale.  Negli esemplari osservati, il numero dei fiori è stato mediamente di otto-dieci.
I fiori sono formati da un perigonio imbutiforme lungo fino a cinque centimetri. Il colore è un rosso-porpora molto intenso e vivo. I tre tepali inferiori mostrano una macchia stretta e allungata di colore bianco, bordata da un'area rossa più scura. Qualche raro caso di fiori di colore chiaro, tendente al rosato, è riferito ad esemplari cresciuti in ambiente ombroso, tra gli arbusti.
La fioritura è tipica del primo periodo primaverile: dal mese di aprile all'inizio di maggio.
L'altezza complessiva che la pianta può raggiungere è circa un metro. Gli esemplari presentati nelle fotografie allegate (e utilizzati per questa sommaria descrizione) provengono principalmente dall'altopiano basaltico di Teccu (Bari Sardo, OG) a un'altitudine media di cento metri, sulla costa centro-orientale della Sardegna. Qui, a causa delle condizioni ambientali, l'altezza media rilevata è stata di quaranta-cinquanta centimetri. Solo pochi esemplari si avvicinavano al metro.
Il frutto è costituito da una capsula ovoide trivalve che si apre alla maturità lasciando liberi i semi. Questi sono dotati di un'ampia ala membranosa che ne agevola la dispersione tramite il vento. Complessivamente hanno una forma vagamente ellittica e una lunghezza di circa otto-dieci millimetri. Il colore è un ocra medio.
Gladiolus byzantinus (Gladiolo bizantino) è una specie tipica degli spazi aperti lasciati liberi dalla macchia e dalla gariga mediterranea che alla fioritura dà una nota di colore un po’ insolita per questi ambienti.

(03maggio 2010)

(Ultima revisione: 26/05/2022)





Torna alla pagina:
Flora della Sardegna


Copyright www.atlantides.it 2008÷2022 - All rights reserved
Torna ai contenuti