Helichrysum luteoalbum - Canapicchia pagliata - ATLANTIDES: Miscellanea di Ambiente, Natura, Cultura

atlantides.it
Ilex aquifolium
Vai ai contenuti

Helichrysum luteoalbum - Canapicchia pagliata

Canapicchia pagliata
      E' una specie erbacea annuale, Terofita cespitosa, appartenente alla famiglia delle Asteraceae (o Compositae).
Nelle condizioni ideali è una pianta pluricaule che si sviluppa da un’unica rosetta basale. Da essa si origina un fusto centrale eretto e altri laterali prostrato-ascendenti disposti con una certa regolarità. Normalmente i fusti non presentano ramificazioni se non alla base e nell'infiorescenza.
L’altezza riscontrata per l’intera pianta varia da quindici a sessanta centimetri.
Le foglie basali sono oblanceolate con il margine è intero. Sono lunghe fino a sessanta-settanta millimetri e larghe dieci-dodici.
Le foglie cauline tendono a decrescere gradualmente di misura e a trasformarsi in lineari-lanceolate, fino a ridursi in brattee. Talvolta presentano il margine ondulato.
Sia le foglie che i fusti sono ricoperti da un tomento biancastro, più evidente in prossimità dell'infiorescenza.
L'infiorescenza è un racemo suddiviso in glomeruli che contengono fino a dieci-quindici capolini tra loro appressati.
I capolini sono sessili, di forma ovoide, piuttosto piccoli. Abbiamo rilevato un diametro medio di due millimetri e un'altezza di tre. Sono ricoperti da brattee paglierine traslucide, più evidenti quando, alla fine dell'antesi, rimangono sulla pianta dopo la dispersione degli acheni. Questi ultimi sono di forma allungata e veramente minuscoli, misurano solo qualche decimo di millimetro e hanno un pappo di circa due millimetri.
I fiori si presentano inizialmente di color giallo limone per poi diventare ben presto rossicci.
Il periodo della fioritura è piuttosto ampio e si protrae da maggio a settembre.
Helichrysum luteoalbum è stato classificato anche come Gnaphalium luteo-album, Pseudognaphalium luteoalbum e Laphangium luteoalbum. Solo recentemente, in seguito a studi genetici, è stato riproposto di includerlo nel genere Helichrysum. Una prima indicazione in questo senso era già stata già avanzata nel 1829 dallo studioso tedesco Ludwig Reichenbach, ma non aveva avuto seguito.
Helichrysum luteoalbum è una pianta cosmopolita, probabilmente originaria delle Americhe, che predilige i luoghi freschi e umidi.
In Sardegna è alquanto raro, noi ne abbiamo rinvenuto una stazione lungo un torrente della regione dell'Ogliastra, a circa settanta metri di altitudine.
Questa piccola popolazione ha una caratteristica interessante. Una parte delle piante cresce sulla sabbia del torrente, in prossimità dell'acqua, le altre invece nelle fessure delle rocce circostanti. Le prime sono, naturalmente, più rigogliose, formano più ramificazione, sono meno tomentose e fioriscono più tardivamente.
Le altre, invece, sono più piccole, hanno poche o nessuna ramificazione, sono maggiormente tomentose e fioriscono più precocemente.
(28 settembre 2011)
(Ultima revisione: 21/03/2014




Torna alla pagina:
Flora della Sardegna


Copyright www.atlantides.it 2008÷2022 - All rights reserved
Torna ai contenuti