Legousia falcata spp. falcata e castellana - Specchio di Venere falcato e di Castiglia - ATLANTIDES: Miscellanea di Ambiente, Natura, Cultura

atlantides.it
Ilex aquifolium
Vai ai contenuti

Legousia falcata spp. falcata e castellana - Specchio di Venere falcato e di Castiglia

Specchio di Venere falcato
(compreso Specchio di Venere di Castiglia)
     E’ una specie erbacea annuale, Terofita scaposa, appartenente alla famiglia delle Campanulaceae.
Le piante possono essere ramificate sia alla base sia ad altezze superiori e ogni fusto normalmente termina con un racemo fiorale. I fusti sono di sezione tetragona e hanno gli spigoli ben evidenti e variamente scabri. Il portamento è influenzato, almeno in parte, dall'ambiente di crescita e varia da eretto ad ascendente a decombente. L'altezza varia da dieci-venti centimetri a quaranta-sessanta centimetri e oltre, anch'essa influenzata dall'ambiente di crescita.
Le foglie hanno il margine intero o debolmente crenato. Le inferiori sono picciolate e il lembo varia da tondeggiante a oblungo-ellittico. Le superiori sono sessili e il lembo è più uniformemente oblungo-ovato ad apice ottuso o acuto.
I fiori sono a disposizione alterna all'ascella di una foglia e Il racemo che ne deriva tende ad occupare oltre la metà del fusto. Generalmente, i fiori sono singoli, talvolta in coppia, più raramente formano una triade. L'apice dell'infiorescenza è normalmente composto da un verticillo paucifloro contratto.
I fiori hanno il calice caratterizzato da cinque (talvolta quattro) denti lineari lesiniformi lunghi fino a venti millimetri, normalmente sono ricurvi, almeno alla maturità. La corolla ha una forma a imbuto allargato ed è composta da cinque (talora quattro) segmenti ellittici allungati. Questi sono lunghi fino a dodici millimetri e, di solito, assai più corti dei denti del calice, raramente possono essere anche sub-uguali. Il colore varia dal violetto intenso al bianco appena sfumato di violaceo.
La fioritura ricade nei mesi di maggio e giugno.
Il frutto è costituito da capsula prismatica tetragona variamente scabra. Contiene numerosi semi da sub-orbicolari a ellittici di colore castano chiaro e dalle dimensioni di circa un millimetro.
Legousia falcata s.l. (Specchio di Venere falcato) è ampiamente presente in Italia e nella regione mediterranea in genere. E' diffusa anche in Sardegna ma in maniera puntiforme.
Questa descrizione e le immagini allegate sono riferite a numerosi siti posti dal livello del mare fino a circa mille metri di altitudine. L'ambiente di crescita è tendenzialmente fresco-umido, come alvei e margini di torrenti, scarpate umide, base delle rocce e sottobosco.

Nota di botanica sistematica
Dall’esame del materiale raccolto su Legousia falcata s.l. si è considerato che (malgrado le difficoltà) si presentavano elementi sufficienti per mantenere separate Legousia falcata subsp. falcata (= Legousia falcata) da Legousia falcata subsp. castellana (= Legousia scabra), così come riportato dalle principali Florae europee.
Considerata la grande variabilità, si sono presi in considerazione pochi elementi che potessero apparire più significativi nel rapporto tra le due entità,
1) Legousia falcata subsp. castellana si presenta come pianta più vigorosa, la corolla più grande e i denti del calice più brevi rispetto all'altra sottospecie. Vegeta in ambienti più freschi (800-1000 metri di altitudine), generalmente in gruppi compatti, frammista alla restante vegetazione.
Legousia falcata subsp. falcata appare di dimensioni minori e più gracile, la corolla più piccola e i denti del calice più lunghi rispetto all'altra sottospecie. Vegeta dal livello del mare fino 1000 metri di altitudine, spesso con individui isolati o in piccoli gruppi, in ambienti con ridotta presenza di altra vegetazione.
2) Legousia falcata subsp. castellana ha le foglie inferiori oblunghe mentre Legousia falcata subsp. falcata le invece ha sub-rotonde.
3) In maniera analoga alle foglie, Legousia falcata subsp. castellana ha i semi tendenzialmente oblungo-ellittici e Legousia falcata subsp. falcata li ha tendenzialmente orbicolari.
Riguardo ai semi si può fare riferimento all'immagine allegata. Sono stati presi in considerazione quattro siti lontani tra loro e sparsi per la Sardegna.
Per Legousia falcata subsp. castellana, un sito della Sardegna centro-orientale e uno della Sardegna settentrionale,
Per Legousia falcata subsp. falcata, una località della Sardegna meridionale e una della Sardegna centrale.
Le semplici osservazioni descritte sono, naturalmente, parziali. Si auspica che studi complessivi, fatti sul campo e indirizzati anche alla valorizzazione della biodiversità presente in natura, portino a una visione unitaria e omogenea riferita a tutta l’area mediterranea.
(12 settembre 2020)
(Ultima revisione: 26/09/2020)




Torna alla pagina:
Flora della Sardegna




Immagine a destra.
Semi di Legousia falcata subsp. falcata (Specchio di Venere falcato): 1) Sardegna meridionale, 2) Sardegna centrale.
Semi di Legousia falcata subsp. castellana (= Legousia scabra), Specchio di Venere di Castiglia: 3) Sardegna settentrionale, 4) Sardegna centro-orientale.



Copyright www.atlantides.it 2008÷2022 - All rights reserved
Torna ai contenuti