Limonium morisianum - Limonio di Moris - ATLANTIDES: Miscellanea di Ambiente, Natura, Cultura

atlantides.it
Ilex aquifolium
Vai ai contenuti

Limonium morisianum - Limonio di Moris

Limonio di Moris
      Pianta suffruticosa perenne appartenente alla famiglia delle Plumbaginaceae.
La parte inferiore è, naturalmente, legnosa, quella aerea è costituita da una serie di rosette formate da foglie di forma spatolata, con il margine intero, grassette. Le foglie sono di un colore verde omogeneo ma spesso tendono ad assumere una tonalità rossa, anche intensa.
Dalle rosette basali si dipartono i fusti fiorali che si evolvono in varie ma brevi ramificazioni e assumono un caratteristico andamento zigzagante determinato dal susseguirsi regolare dei nodi.
I fiori sono raccolti in infiorescenze a spiga, anch'esse tendono a seguire lo stesso andamento dei fusti, ma con gli internodi molto brevi.
I fiori sono caratterizzati da una corolla tubolosa che si espande in cinque petali di colore celeste violaceo. Sono molto piccoli ma vistosi.
I sepali, anch'essi in numero di cinque, sono bianchi con una striscia rossiccia mediana. Sono piuttosto appariscenti e, persistendo dopo la caduta della corolla, conferiscono alla pianta l'aspetto di una "seconda fioritura".
La fioritura è scalare ma ricade principalmente nei mesi di luglio e inizio agosto.
Limonium morisianum è un endemismo esclusivo delle montagne calcaree della Sardegna centro-orientale ed è una tipica specie rupicola. Tuttavia si è osservato che alcuni esemplari cresciuti sul libero terreno avevano assunto dimensioni ben superiori alle altre piante che vegetano sulle rocce, arrivando a un metro di diametro.
Il genere Limonium è composto da numerosissime specie tipiche delle aree litoranee marine. Limonium morisianum (insieme ad altre due specie presenti in Sardegna) costituisce una singolare eccezione perché vegeta in montagna, lontano dal mare. Le immagini dello slideshow sono state riprese sulla montagna di Perda Liana (Gairo-NU) a 1100 metri s.l.m.
(30 settembre 2010)




Torna alla pagina:
Flora della Sardegna


Copyright www.atlantides.it 2008÷2021 - All rights reserved
Torna ai contenuti