Noccaea brevistyla - Erba storna a stilo breve - ATLANTIDES: Miscellanea di Ambiente, Natura, Cultura

atlantides.it
Ilex aquifolium
Vai ai contenuti

Noccaea brevistyla - Erba storna a stilo breve

Erba storna brevistila
     E' una pianta erbacea perenne, Emicriptofita scaposa, appartenente alla famiglia delle Brassicaceae (o Cruciferae).
In condizioni ottimali le piante tendono ad assumere un portamento pulvinato piuttosto compatto. Sono composte da numerosi rami arcuato-ascendenti che si originano in prossimità del suolo, lunghi approssimativamente sei-dieci centimetri. Talvolta le piante possono assumere una conformazione stellare più aperta. In questo caso sono formate da un asse centrale eretto contornato dai rami disposti a raggera. Più raramente si osservano piante con un solo caule eretto senza ramificazioni laterali.
I rami e le foglie hanno una consistenza grassetta e un colore tendente al glauco. Le foglie basali sono lungamente picciolate e hanno una lamina che varia da spatolata a ellittica a oblunga. L'apice è ottuso e il margine lineare o irregolarmente crenato. Le foglie cauline diventano gradualmente sessili e semi-amplessicauli Il lembo diventa oblungo sagittato ad apice acuto mentre il margine rimane intero o variabilmente crenato.
I fiori sono portati all'apice di tutti i rami con l'esclusione di brevi ramificazioni sterili basali. Sono raccolti in un’infiorescenza formata da un compatto racemo che tende ad assumere una forma globosa. I singoli fiori sono retti da un pedicello lungo all'antesi 1-1,5 mm che si accresce poi in fase di fruttificazione. I sepali sono quattro lunghi 1-1,5 mm, il colore varia dal verde al rossiccio, la forma è ovata e il margine scarioso bianco. Anche i petali sono quattro di colore bianco e di forma lineare con l'apice arrotondato o retto.
La fioritura è scalare e avviene tra il mese di maggio e l’inizio di giugno.
Il frutto è costituito da una siliquetta a base cuneata lunga fino a cinque-sei millimetri e larga mediamente due millimetri. L'apice è caratterizzato da due orecchiette che delimitano una piccola insenatura che contiene il brevissimo stilo. All'interno delle siliquette è presente un alloggiamento ellittico traslucido con entrami gli apici acuti che racchiude due-quattro semi ovoidi di colore giallo dorato, sono lunghi 1-1,5 mm e larghi 1 mm.
Noccaea brevistyla (già Thlaspi brevistylum) è una specie piuttosto rara e in passato era considerata un endemismo sardo-corso. Attualmente la sua presenza è indicata anche per la Basilicata e la Sicilia.
La descrizione e le immagini allegate si riferiscono a una popolazione presente ad alta quota sui costoni dei monti del Gennargentu in ambiente arido, talvolta pietroso, brullo e ventoso. Qui le piante assumono la tipica conformazione compatta e pulvinata. Alcuni gruppi di piante vegetano in ambienti apparentemente più favorevoli tra la restante vegetazione. In questo caso, pur raggiungendo dimensioni maggiori, tendono a essere più gracili, meno compatte e a perdere la colorazione glauca.
(27 gennaio 2019)




Torna alla pagina:
Flora della Sardegna


Copyright www.atlantides.it 2008÷2022 - All rights reserved
Torna ai contenuti