Plantago subulata - Piantaggine a cuscinetto - ATLANTIDES: Miscellanea di Ambiente, Natura, Cultura

atlantides.it
Ilex aquifolium
Vai ai contenuti

Plantago subulata - Piantaggine a cuscinetto

Piantaggine a cuscinetto

     E' una pianta erbacea perenne a base legnosa, Camefita suffruticoso/pulvinata, appartenente alla famiglia della Plantaginaceae.
Gli esemplari maturi formano un pulvino di forma emisferica (o allungata) alto circa dieci-quindici centimetri. La parte interna del pulvino è composta da intrico di rami legnosi che si originano da una robusta radice, anch'essa legnosa.
Il pulvino è formato esternamente da numerose e fitte rosette fogliari che lo ricoprono interamente. Le foglie sono lineari acute e apicolate (o subulate). Sono larghe uno-due millimetri e lunghe fino a tre-quattro centimetri. Sono rigide, carnosette, con la superficie glabra o coperta da corta peluria. Il colore varia dal verde puro al glauco. L'intero apparato fogliare può essere ricoperto da un tomento biancastro lanuginoso, talvolta molto evidente e appariscente.
Sopra lo strato fogliare si elevano, per alcuni centimetri, numerosi gli scapi fiorali. Sono rigidi, ricoperti da un corto tomento biancastro, reggono una breve spiga pauciflora. Gli stami sono l'elemento più caratteristico e appariscente dei fiori: sono ovoidi, carenati, di colore giallo e retti da un lungo filamento.
La fioritura avviene nel periodo tardo-primaverile ed estivo (giugno-agosto).
Rimane da notare che l'aspetto regolare appena descritto, si riscontra soprattutto nelle piante che crescono nel libero terreno. Gli esemplari che vegetano in ambiente rupicolo, particolarmente sulle pareti verticali, tendono ad avere un portamento piuttosto difforme e irregolare.
Plantago subulata (sinonimo di Plantago sarda e Plantago subulata subsp. insularis) in Sardegna vegeta da circa mille metri di altitudine fino alle parti sommitali nei monti del Gennargentu.
Le immagini allegate si riferiscono a queste popolazioni.

Nota di Botanica sistematica
Questa specie era stata considerata un endemismo sardo-corso e classificata come Plantago sarda (sinonimo di Plantago subulata subsp. insularis). Momentaneamente si è preferito lasciarla in questa sezione in attesa di una sistemazione tassonomica definitiva. Tuttavia, recenti studi (Hassemer 2018) considerano Plantago sarda e Plantago subulata subsp. insularis sinonimi di Plantago subulata. I risultati di questi studi sono stati recepiti negli aggiornamenti della Checklist della flora italiana (Bartolucci et al. 2018) e da Euro+Med PlantBase. Ne consegue che, allo stato attuale, le popolazioni sarde e corse sarebbero assimilate alle restanti popolazioni presenti in Europa e Nord Africa. Maggiori dettagli si possono trovare nell'opera citata: Hassemer G. (2018) Advances to the taxonomic knowledge of Plantago subulata. Natural History Museum of Denmark, University of Copenhagen, Copenhagen, Denmark.

(15 marzo 2009)
(Ultima revisione: 05/06/2020)





Torna alla pagina:
Flora della Sardegna


Copyright www.atlantides.it 2008÷2021 - All rights reserved
Torna ai contenuti