Prunus prostrata - Pruno prostrato - ATLANTIDES: Miscellanea di Ambiente, Natura, Cultura

atlantides.it
Ilex aquifolium
Vai ai contenuti

Prunus prostrata - Pruno prostrato

Pruno prostrato
      E' una specie legnosa perenne con sviluppo aderente al substrato su cui vegeta, nano-Fanerofita per il sistema di classificazione Raunkiær. Appartiene alla famiglia delle Rosaceae.
Vegeta su rupi, garighe, massi isolati, terreno sassoso, sia su substrato carbonatico sia siliceo.
Si presenta come un basso cespuglio deciduo, ramosissimo e intricatissimo per le molte ramificazioni e i brevi rami. Si può elevare di qualche decimetro ma generalmente preferisce svilupparsi aderente al substrato quasi a volerne assumere la conformazione. Può raggiungere un’estensione di alcuni metri quadrati.
I vecchi rami sono di colore grigio, quelli giovani hanno invece una colorazione rossiccia.
Le foglie hanno una disposizione alterna, sono sorrette da un breve picciolo e hanno la lamina ellittica. Il margine è irregolarmente denticolato nei due terzi superiore, talvolta in maniera piuttosto evidente nella parte apicale. La pagina superiore è glabra, quella inferiore bianco-tomentosa. Visivamente, le due pagine appaiono chiaramente di una diversa colorazione, come si può facilmente osservare anche nelle immagini allegate.
I fiori sono caratterizzati dal calice formato da un tubo calicino alto circa cinque millimetri e da cinque sepali ad apice ottuso, entrambi sono generalmente di colore rosso vivo ma possono essere anche verdastri. I petali, che sono ugualmente in numero di cinque, si distinguono per la forma ovata e una colorazione che varia dal bianco al rosato.
Il periodo della fioritura varia da aprile a giugno, soprattutto in funzione dell'altitudine.
Lo sviluppo e la maturazione dei frutti è piuttosto rapida e avviane a giugno-luglio.
Il frutto è una drupa dal sapore amarognolo. Ha una forma sub-rotonda con un diametro di cinque-otto millimetri. E' caratterizzata da un colore rosso vivo, lucido.
Il seme è costituito da un endocarpo duro (il nocciolo), ha una forma ovoide e misura circa 4x6 millimetri.
Prunus prostrata (già Prunus prostrata subsp. prostrata) vegeta, in Sardegna, nei calcari del monte Corrasi (Oliena-NU) e dei vicini rilievi del territorio di Orgosolo (NU).
Le immagini allegate si riferiscono alla popolazione presente su monte Corrasi (Oliena-NU).

Nota di Botanica Sistematica
In Sardegna vegeta, nei restanti rilievi calcarei del settore centro-orientale e sui monti del Gennargentu,  Prunus prostrata var. glabrifolia (già Prunus prostrata subsp. humilis). Questa varietà si distingue per avere anche la pagina inferiore delle foglie glabra, o sub-glabra, per cui le due facce appaiono concolori.
(03 giugno 2015)
(Ultima revisione: 25/02/2018)




Torna alla pagina:
Flora della Sardegna


Copyright www.atlantides.it 2008÷2022 - All rights reserved
Torna ai contenuti