Sedum caeruleum - Borracina azzurra - ATLANTIDES: Miscellanea di Ambiente, Natura, Cultura

atlantides.it
Ilex aquifolium
Vai ai contenuti

Sedum caeruleum - Borracina azzurra

Borracina azzurra
      E' una pianta erbacea annuale, Terofita scaposa, appartenente alla famiglia delle Crassulaceae.
Le piante hanno una consistenza grassetta e sono alte fino a dieci-dodici centimetri. Sono piuttosto ramificate nella parte alta e, vegetando in associazione con numerosi individui, formano molto spesso un denso tappeto.
Le foglie, già piuttosto rade, tendono a cadere nella fase finale della fioritura. Sono sessili e hanno una forma cilindrica variabilmente allungata, l'apice e l'attaccatura sono arrotondati. La loro lunghezza può raggiungere circa un centimetro. Sono lucide e glabre, mentre il fusto è sparsamente peloso, in particolare nella sua parte alta.
Sia il fusto sia le foglie (ma anche peduncoli e sepali) sono inizialmente di colore verde ma, nel corso della vita vegetativa, tendono ad assumere una colorazione rossa piuttosto vivace.
I fiori sono tendenzialmente eptameri, per cui Sedum caeruleum è anche conosciuto come Sedum eptapetalum. Tuttavia, facendo riferimento alle immagini allegate, si può facilmente verificare che il numero dei petali può variare, con una certa facilità, da sei a dieci. La colorazione dei petali va dal comune bianco a un bel ceruleo dal quale deriva l'epiteto più comunemente usato della specie.
La fioritura avviene nel periodo primaverile, da aprile a giugno, in funzione dell'altitudine e dell'esposizione.
Sedum caeruleum (o Sedum eptapetalum) vegeta solo nelle due isole di Sicilia e Sardegna. Preferisce massi e aree rocciose, ma anche muri e bordi stradali purché sia presente un sottile strato di terra. Non esita a crescere anche nel sottile sostrato creato dal muschio. L'altitudine varia dal livello del mare (anche sulle rocce pochi metri dalla riva) fino all'alta collina.
Le immagini allegate sono state riprese in varie località della Sardegna, ove è ovunque piuttosto diffuso, cercando di rappresentare i vari habitat.
(29 agosto 2016)





Torna alla pagina:
Flora della Sardegna


Copyright www.atlantides.it 2008÷2022 - All rights reserved
Torna ai contenuti