Sedum caespitosum - Borracina cespitosa - ATLANTIDES: Miscellanea di Ambiente, Natura, Cultura

atlantides.it
Ilex aquifolium
Vai ai contenuti

Sedum caespitosum - Borracina cespitosa

Borracina cespitosa
     E' una pianta erbacea annuale, (Terofita scaposa per il sistema Raunkiær) che appartiene alla famiglia delle Crassulaceae. Com’è tipico di questa famiglia, anche Sedum caespitosum è una pianta xerofila e ha una consistenza vegetativa succulenta. Queste caratteristiche sono dovute all'habitat in cui vegeta abitualmente costituito da uno scarso strato di terreno arenaceo, arido e scarnificato. A causa di ciò, la pianta immagazzina nel fusto e nelle foglie ingrossate l'umidita necessaria per portare a compimento il ciclo vegetativo. Bisogna, infatti, considerare che i mesi in cui ricade la fioritura, maggio e soprattutto giugno, sono spesso piuttosto siccitosi.
Il fusto è eretto, generalmente ramificato, spesso già nella parte basale. Le piante sono piuttosto piccole (due-quattro centimetri di altezza) ma tendono a formare piccoli popolamenti densi di individui. Come si può osservare dalle immagini allegate, le piante che crescono a distanza ravvicinata tendono naturalmente a formare meno ramificazioni. Gli individui che crescono isolati possono invece formare cespi (è proprio il caso di dirlo!) fino a una diecina centimetri di diametro.
Le foglie sono ovate ad apice acuto e apicolato o variabilmente ottuso. Tuttavia a causa della consistenza carnosa, tendono ad assumere una forma ovoidea con le facce inferiore e superiore variabilmente spianate. La disposizione lungo il fusto è alterna e piuttosto densa ma non tale da ricoprirlo come in Sedum andegavense. Procedendo dal basso verso l'alto, le foglie tendono gradatamente a dissecarsi e cadere precocemente, avendo ormai esaurito la riserva di umidità. Sono glabre e lucide e hanno una colorazione verde ma le ultime foglie rimaste tendono ad arrossare alla fine del ciclo vegetativo.
I fiori sono raccolti in cime terminali pauciflore, il pedicello è sub-nullo. Sono di solito pentameri con cinque sepali, cinque petali, cinque follicoli ma, non troppo raramente, possono essere tetrameri, come si può osservare in varie immagini allegate. I sepali sono glabri, hanno la stessa colorazione delle foglie e una consistenza carnosa, la forma varia da ovata a sub-rotonda con l'apice acuto e apicolato. I petali sono carenati e hanno la lamina lanceolata e, anch’essi, ad apice acuto e apicolato. Il colore è bianco ma esternamente sono percorsi da una stria rossiccia ben marcata. Anche in piena antesi rimangono eretti, per questo motivo i fiori appaiono semi-chiusi.
I follicoli, nello sviluppo successivo alla fecondazione, si evolvono in una disposizione stellare piuttosto appariscente. Inizialmente sono di colore verde chiaro, ma gradatamente assumono una colorazione rosso vivo iniziando dall'area centrale.
La fioritura ricade nei mesi di maggio e giugno.
Sedum caespitosum è presente in varie località della Sardegna, indipendentemente dal substrato. Vegeta generalmente in piccoli gruppi d’individui. Molte delle immagini proposte vogliono documentare una stazione presente in una cunetta, umida nel periodo invernale, nella Sardegna centro-orientale. In questo sito, è stata trovata una piccola popolazione estesa alcuni metri quadrati, densissimi di piantine, come testimoniano le immagini allegate.
Sedum caespitosum tende a condividere l’habitat con altri Sedum di piccole dimensioni come Sedum caeruleum e Sedum andegavense (cfr. immagini di esempio in calce a questa pagina).
(14 gennaio 2016)
(Ultima revisione: 12/11/2016)





Torna alla pagina:
Flora della Sardegna


Copyright www.atlantides.it 2008÷2022 - All rights reserved
Torna ai contenuti