Stachys arvensis - Stregona minore - ATLANTIDES: Miscellanea di Ambiente, Natura, Cultura

atlantides.it
Ilex aquifolium
Vai ai contenuti

Stachys arvensis - Stregona minore

Stregona minore
      E' una specie erbacea annuale, Terofita scaposa, facente parte della famiglia delle Labiatae (o Lamiaceae).
La pianta è composta da un fusto principale eretto e da varie ramificazioni basali divaricate, ascendenti o saettanti verso l'esterno.
Il fusto è a sezione quadrangolare con gli spigoli variabilmente prominenti e, talora, rimarcati da una colorazione purpurea scura.
Sia il fusto sia le altre parti aeree della pianta sono cosparsi da peli biancastri per la maggior parte eretto-patenti. Nel fusto la peluria è concentrata lungo le nervature formate dagli spigoli.
Le foglie sono opposte, spesso lungamente picciolate le inferiori, gradualmente con il picciolo ridotto le cauline e le fiorali. Il lembo è ovato e l'apice è ottuso. La base può essere cordata, arrotondata, talvolta cuneata. Il margine è dentato e i denti generalmente arrotondati. La peluria è concentrata lungo il bordo e nelle nervature della pagina inferiore. Le foglie sono parzialmente caduche e tendono a ingiallire e cadere nel corso della vita vegetativa della pianta.
I fiori sono raccolti in verticilli (composti da due-sei fiori) sul fusto principale e su quelli secondari, all'ascella delle foglie fiorali. I verticilli sono disposti ordinatamente lungo il fusto. Ben distanziati quelli inferiori, gradualmente ravvicinati i superiori.
Il calice è retto da un brevissimo picciolo. Ha una forma tubulosa un po' campanulata e generalmente presenta una colorazione purpurea scura. I denti sono cinque, hanno una forma triangolare ad apice acuto e terminano in una resta lunga circa un millimetro. Il calice è alto circa sei millimetri ed è caratterizzato da una marcata linea di peluria lungo il margine dei denti. Una linea di peluria meno marcata e più disordinata e presente lungo la nervatura dorsale.
La corolla è bilabiata. Il labbro superiore è intero e cucullato e ha un ciuffo di lunghi peli sulla superficie dorsale.  Quello inferiore è trilobato, il lobo centrale è ampio e tondeggiante e i due laterali ridotti e di forma dentata. I due labbri formano tra loro un angolo piuttosto stretto di circa trenta gradi. Sono di colore bianchiccio o rosato chiaro. Il tubo, sia internamente sia esternamente, è invece di colore bianco. La corolla è piuttosto piccola, sette-otto millimetri, ed è poco sporgente dal calice.
La fioritura avviene principalmente nei mesi da marzo a maggio. Tuttavia, fioriture precoci in ambiente costiero possono verificarsi anche nei mesi di gennaio e febbraio.
Il frutto è costituito da una nucula trigona con un'ampia faccia convessa e due piccole e piane. La superficie è papillosa e di colore bruno scuro. Le nucule hanno una forma contratta e la misura maggiore è di circa 1,5 millimetri.
Stachys arvensis (Stregona minore) è diffusa in maniera puntiforme in quasi tutta la Sardegna.
Questa descrizione e le immagini allegate sono riferite a gruppi di piante rinvenute in varie parti della Sardegna centro-orientale, dal livello del mare fino a mille metri di altitudine. L’ambiente di crescita è prevalentemente rupicolo, con predilezione per le scarpate rocciose, anche stradali. Il substrato è risultato siliceo per tutti i ritrovamenti.
(11 gennaio 2020)
(Ultima revisione: 28/02/2021)





Torna alla pagina:
Flora della Sardegna


Copyright www.atlantides.it 2008÷2022 - All rights reserved
Torna ai contenuti