Teucrium massiliense - Camedrio marsigliese - ATLANTIDES: Miscellanea di Ambiente, Natura, Cultura

atlantides.it
Ilex aquifolium
Vai ai contenuti

Teucrium massiliense - Camedrio marsigliese

Camedrio marsigliese

E' una pianta erbacea a base legnosa, Camefita suffruticosa, perenne, appartenente alla famiglia delle Labiatae (o Lamiaceae).
Nelle condizioni normali ha l'aspetto di un folto cespuglio emisferico, fitto di rami eretti o scendenti, a loro volta densamente ricoperti di foglie. I rami sono a sezione quadrangolare (non sempre evidente) e ricoperti, specialmente i giovani, da una densa lanugine crespa. La pianta è moderatamente aromatica e può raggiungere un’altezza di circa quaranta centimetri.
Le foglie sono alterne, stipolate e picciolate, la lamina è oblungo-ovale, il margine crenulato e revoluto. La pagina superiore è marcatamente (anche esasperatamente!) rugosa, quella inferiore espone in forte rilievo la nervatura reticolata.
L'infiorescenza è costituita da un lungo racemo con i fiori disposti a coppie su un solo lato. Un aspetto caratteristico del calice, ricoperto anch'esso dallo strato di lanugine crespa, è una marcata colorazione rossa che spesso può assumere. La corolla è caratterizzata dal labbro superiore nullo e da quello inferiore prominente e piuttosto appariscente. Esso ha una forma a scodella e il margine contornato da cinque piccoli lobi che appaiono come una leggera ondulatura. La corolla è glabra sulla parte interna e superiore, tomentosa in quella esterna e inferiore. Ha un delicato colore rosa-violaceo che sfuma procedendo dal labbro inferiore verso la fauce.
Nelle popolazioni osservate, la fioritura si estende dal mese di giugno a quello di settembre.
Il Teucrium massiliense è diffuso nella Spagna, Francia continentale, Corsica e, per l'Italia, nella sola Sardegna. Si tratta, quindi, di una specie tipicamente mediterraneo-occidentale.
Le immagini presentate nello slideshow si riferiscono a vari siti presenti sui versanti dei monti del Gennargentu, e aree limitrofe, a un'altitudine compresa tra seicento e milletrecento metri.

(11 gennaio 2013)





Torna alla pagina:
Flora della Sardegna


Copyright www.atlantides.it 2008÷2022 - All rights reserved
Torna ai contenuti